Segnalazioni

Ed Panar: In the Vicinity

Si chiama Triangolo dello Smeraldo (Emerald Triangle) ed è una regione nel nord della California composta da tre contee. Il nome è un riferimento alla (ricca) coltivazione della canapa, che qui viene apprezzata per le potenti implicazioni economiche, psicotropiche e mitologiche. In un angolo di questa regione, nella contea di Mendocino, Panar ha scattato per oltre 10 anni – dal 2007 al 2017, fotografando la natura incontaminata e consentendoci di accedere a quella che appare come una comunità rurale isolata in un ambiente idilliaco sullo sfondo di una cultura psichedelica. L’autore mantiene sempre una distanza di rispetto: still life, paesaggi e occasionali presenze animali descrivono nel libro un luogo in cui l’uomo è ancora rapito dall’eterna ricerca della pentola d’oro alla fine dell’arcobaleno.

Nel farlo, Panar indaga, mettendola in discussione, la possibilità della fotografia di essere uno strumento di documentazione di un tema tanto enigmatico e misterioso come il fascino di questa mitica pianta e l’emergere della potente economia ad essa legata.

Ed Panar è fotografo, docente e libraio. Vive a Pittsburgh. Il suo lavoro è stato pubblicato ed esposto a livello internazionale, nonché recentemente incluso nella mostra The Grain of the Present al celebre Pier 24 Photography di San Francisco. In the Vicinity è il suo ottavo libro fotografico. Prima di questo, ricordiamo: Animals that saw me, Volume Two (The Ice plant, 2016), Both sides of Sunset (Metropolis Books, 2015. Introduzione di Ed Ruscha), Salad Days (Gottlund Verlag, 2011-2012), Animals That Saw Me, Volume One (The Ice Plant, 2011), Same Difference (Gottlund Verlag, 2010), Golden Palms (J&L Books, 2007).

Insieme a Melissa Catanese ha fondato Spaces Corners, una libreria fotografica e spazio di progettualità dedicato ai fotolibri con sede a Pittsburgh. Infine, insegna presso il master di Ithaca Image Text dell’ Ithaca College di NY.

er l’occasione, Micamera allestirà una selezione di libri ispirata alla scena statunitense, alla mostra e alla comunità di autori intorno a Deadbeat Club,  casa editrice indipendente con sede Los Angeles, fondata nel 2011 da Clint Woodside, che la dirige e che sarà presente a Milano. Deadbeat Club pubblica zine e libri; tra gli autori, oltre a Panar e Carpenter, anche Todd Hido,  Ed Templeton (entrambi già ospiti di Micamera!) e lo skater Jerry Hsu.
Sul sito è scritto: ‘Deadbeat Club lavora insieme all’artista per realizzare un oggetto che soddisfi le sue intenzioni, affinché la sua visione non sia mai distorta.’

Clint Woodside è nato a Buffalo, NY.  E’ il fondatore di Deadbeat Club ma è anche fotografo: come autore ha pubblicato oltre dieci libri tra cui Let Me Die In My Footsteps (self, 2013), Build Us A Path (self, 2014) Undercover Cars (Kill Your Idols, 2016) e Vineland (self, 2017). Il suo lavoro è stato ampiamente esposto e pubblicato negli Stati Uniti e all’estero, tra cui New York, Los Angeles, San Francisco, Londra, Tokyo, Svezia, Cina, Seoul e Australia. Woodside è anche noto per il suo lavoro curatoriale. Attualmente vive a Los Angeles, in California.

Fonte: MiCamera.

In sintesi

Dove

MiCamera, via Medardo Rosso, 19  Milano

Quando

dal 13 novembre all'8 dicembre 2018