Segnalazioni

Elliott Erwitt: i cani sono come gli umani, solo con più capelli

Mostra a cura di Marco Minuz.

Il 26 luglio è una data importante per il grande fotografo Elliott Erwitt perché compie 90 anni.

Nato nel 1928 in Francia da una famiglia di emigranti russi, ha trascorso la sua infanzia in Italia, sino al ritorno in Francia e poi al definitivo trasferimento negli Stati Uniti ed in particolare a New York.

Nel 1953 entra a far parte della celebre agenzia fotografica Magnum Photos, quella realtà fondata il 22 maggio del 1947 da Robert Capa, Henri Cartier-Bresson, George Rodger, David ‘Chim’ Seymour e William Vandivert e che diventerà presto la più celebre agenzia fotografica del mondo. Alla base di questa scelta vi era la comune volontà di tutelare il proprio lavoro fotografico e garantirne il pieno controllo sulla diffusione delle immagini.

Proprio Magnum Photos dà avvio ad una serie d’iniziative dedicate a celebrare questo importante traguardo per Erwitt.

La mostra intitolata “Elliott Erwitt: i cani sono come gli umani, solo con più capelli”, che aprirà il prossimo 22 settembre presso gli spazi di Casa dei Carraresi di Treviso, diventa così parte integrante di questo programma d’iniziative dedicate al lavoro di questo grande maestro della fotografia. Un progetto che si sviluppa a livello internazionale.

Proprio per interagire con questo progetto, la mostra sarà arricchita da una serie d’iniziative dedicate ad analizzare ed approfondire la conoscenza del lavoro di questo grande fotografo.

Il percorso espositivo esplorerà una delle parti più curiose ed interessanti, nonché note, della produzione del fotografo franco-americano, ovvero quella dedicata ai cani.

Una selezione che viene, con tali dimensioni, per la prima volta esposta in Italia, raggruppando oltre ottanta fotografie accompagnate da video, documenti e altro materiale dedicato al tema.

Erwitt universalmente annoverato tra i grandi maestri della fotografia mondiale di tutti i tempi. Il suo stile inconfondibile, caratterizzato dal bianco e nero e dal carattere ironico, è sempre mosso da un unico grande dogma: l’osservazione acuta della realtà circostante. Proprio in questa direzione si muove il progetto espositivo di Treviso.

La mostra è realizzata da Suazes, in collaborazione con Fondazione Cassamarca di Treviso e Magnum Photos.

Fonte: Studio Esseci.

In sintesi

Dove

Casa dei Carraresi, via Palestro, 33  Treviso

Quando

dal 22 settembre 2018 al 3 febbraio 2019

Orario

da martedì a venerdì: 10.00-18.00; sabato, domenica e festivi: 10.00-20.00